Trecentosessantacinque giorni, mica paglia giovedì, Mar 15 2007 

L’elefante e la luna compie un anno.

Tanti auguri ai miei lettori. Tanti auguri a me.

Ne ho bisogno.

Annunci

L’elefante e l’uccellino venerdì, Mar 9 2007 

Hai la grazia di un uccellino, è vero.

Da tutta la vita aspettavo che ti schiantassi su di me.

Nancy e un gigantesco tubetto di dentifricio giovedì, Gen 18 2007 

Quando gli elefanti combattono venerdì, Nov 17 2006 

dal biglietto di auguri dei miei amici.

Grazie.

La roccia dell’elefante lunedì, Ott 30 2006 

Castelsardo (SS)

Compagno elefante giovedì, Set 7 2006 

A mo’ di autoritratto.

In gabbia lunedì, Lug 3 2006 

Ecco che fine ho fatto!

L’elefante e la luna piena lunedì, Giu 19 2006 

Elephuche lunedì, Giu 19 2006 

Oggi mi sento così.

L’elefante e il suo pigiama mercoledì, Giu 14 2006 

Perchelelefante? martedì, Giu 6 2006 

E’ chiaro, prima o poi ne avrei dovuto parlare. Un po’ per le insistenze di qualcuno, un po’ per semplice onestà intellettuale. Perché l’elefante? Quella che vi do è una risposta necessariamente incompleta e assai articolata. Proverò a illustrarla per punti:

1) L’elefante possiede orecchie enormi. Mi fa pensare a un paziente e fine ascoltatore, quello che mi piacerebbe essere. E quello che mi auguro voi possiate trovare in me.

2) L’elefante è erbivoro, non ha bisogno di nutrirsi di cadaveri per sostenere la sua enorme massa.

3) L’elefante è enorme, il più grande degli animali terrestri. E la logica vuole che le dimensioni rientrino tra gli attributi di ciò che si può dire perfetto.

4) L’elefante ha la pelle spessa (è questa l’etimologia di ‘pachiderma’), e io in senso figurato vorrei avere una pelle dura, una certa impenetrabilità nei riguardi delle sciagure e dei motivi di sconforto che la vita è sempre prodiga nel regalarci. Ma in verità la sua è anche una pelle fragile, sensibile, tanto che l’elefante deve spesso immergersi per reidratarla. E anch’io sono tanto sensibile ai venti della passione, ai turbini dell’amore e dell’eterno.

5) L’elefante è un animale sociale. Vive in gruppi di circa cinquanta unità. Se un elefante cade in trappola i suoi amici fanno di tutto per liberarlo e anche se uno di loro è ferito, gli altri cercano di aiutarlo. Talvolta, nei rapporti con gli altri, potremmo prendere esempio dal regno animale, spesso molto meno ‘bestiale’ di quello umano.

6) I 250 kg quotidiani (!) di escrementi costituiscono una riserva inestimabile per le famose attività rotolatorie del mitico Scarabeo Stercolario, un animaletto che adoro da quando me ne parlarono alle scuole elementari. 

7) L’elefante è una specie a rischio di estinzione. Cacciato barbaramente per decenni a causa del prezioso avorio che si ricava dalle sue enormi zanne, ora è sottoposto a regimi di protezione. E io ho una notevole propensione per gli emarginati e i deboli, anche se questo debole può pesare la bellezza di 6000 kg!

8) L’elefante vive mediamente 70-75 anni, un’età davvero ragguardevole per un mammifero. Questo fa di lui la vera memoria storica della savana e, secondo la tradizione, uno degli animali più saggi della natura. (Due esempi: a – l’elefante, simbolo di intelligenza e longevità, divenne insegna della città di Catania al posto di S. Giorgio già nel lontano 1239;  b – al momento di scegliere un simbolo di sapienza, l’imperatore Alessandro VII scelse l’elefante).

9) Il cucciolo viene accudito dalla madre o (in caso di morte di quest’ultima) dalle altre femmine del branco sino al terzo anno d’età! Io mi faccio accudire ancora adesso! E cerco una donna che lo faccia per tutta la vita! 😉

10) Trovo personalmente che l’elefante sia un animale estremamente bello, elegante benché bizzarro.

Nota generale: qui mi riferisco soprattutto all’elefante africano (Loxodonta Africana), il più grande tra gli animali terrestri.

Come avevo anticipato, questi piccoli appunti non sono per nulla esaurienti, in primo luogo perché non posso pretendere di essermi ricordato tutto e infine perché il fascino che l’elefante esercita su di me non si può tradurre in considerazioni razionali.

E se vi innamorerete anche voi come me di questa meravigliosa creatura di dio, non voglio essere io a dirvi il perché. Lo saprà il vostro cuore, lo sapranno i vostri occhi quando impareranno (se già non lo san fare) a bere voluttuosamente la meraviglia della natura.

Vietato non sporgersi lunedì, Giu 5 2006 

Lasciate che le fanciulle

vengano a me.

Elephant-Board mercoledì, Mag 31 2006 

L’elefante e il contrabbasso martedì, Mag 30 2006 

L’elefante illusionista mercoledì, Mag 24 2006 

Quante zampe ha l’elefante?

Pagina successiva »