Caro Babbo Natale,
accettando l’ipotesi che tu esista, mi cimento in una letteruccia. Non so se mi sono comportato davvero bene quest’anno, ma provo comunque a comunicarti i miei desideri.
Sono già in possesso di molte ricchezze, di tutti gli affarini elettronici possibili e immaginabili; possiedo più libri di quanti riuscirò a leggere in tutta la vita; ho tanti amici che mi vogliono bene, una casa e una famiglia. Pertanto quest’anno non ti chiedo di portarmi qualcosa. Non disturbarti per raggiungere il camino di casa mia.
Ti chiedo solo di portare via qualcosa. Portati via l’imperialismo americano e la sua lunga striscia di sangue; portati via l’ipocrisia della chiesa corrotta; portati via i fascisti, i leghisti, i forzaidioti che inquinano il mio paese. Portati via le lobby farmaceutiche e le industrie di armi. Portati via la televisione spazzatura e il giornalismo zerbinistico. Portati via l’indifferenza al bello.
Ho chiesto troppo?

Sempre tuo affezionatissimo

l’Elefantino.

Annunci