Naufragio a Milano

Integrazione, parola amara
collacamento… miezz’o’ciemento,
orario fisso e frastuono dint’a capa
Chist’è o’paese e’rraggiuniere
uommene, fimmene, creature
tutti raggiunano a tutte quante l’ore

lo comme puozzo raggiunà
e comme puozzo raggiunà,
si raggiuno l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme
i m’aggi’a scurdà o’sole, i m’aggi’a scurdà ‘o mare e l’acque chiare
i m’aggi’a scurdà l’erba e a’voce antica d’o’silenzio
miezz’o’vico e a’caccavella e ‘o putipù – E come puozzo raggiunà.

Ah, stu naufragio dint’a Melano senza na varca e pure senza ‘o mare
e tu me dici «stasera usciamo» e dove?
Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon – Carmela cara,
torniamo a cuccia, oiné, ca nun è cosa –

E zitti senza raggiunà, e commo puozzo raggiunà,
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme,
nun ce resta che l’ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
se smorza a’luce a’branda cigolando int’a nuttata fridda
tutti i mali nosti fa passà… – E comme puozzo raggiunà …


E stu naufragio dint’a Melano
se chiamma un nome: Immigrazione,
immigrazione signiffica terrone –
E poi terrone vuol dire fame
vuol dire suonno vuol dire figli
vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia

Eh, comme puozzo raggionà, e comme puozzo raggiunà…

(Paolo Conte, 1975)

Paolo Conte è uno di quegli artisti incredibili che non capisci mai dove finisce lo scherzo e comincia la morale. E’ un cantautore certo divertitissimo questo Paolo Conte che si lancia in un approssimativo e sconquassato napoletano, ma è un cantore dell’immigrazione profondo e poetico.

Mi piacerebbe dedicare questa canzone a tutti gli amici e i conoscenti stranieri (africani, sudamericani, e dell’est europeo principalmente), nuovo fornte della migrazione, con i quali ho condiviso e condivido momenti di studio e di divertimento. Solo raramente mi sono fermato a pensare a quanta nostalgia si nasconda nel loro sguardo. Dovrei farlo più spesso.

La canzone coglie tutto il disagio di una coppia partenopea rinchiusa nel cemento meneghino, due amanti sinceri e veraci naufragati a Milano “senza varca e pure senza ‘o mare”. La tremenda nostalgia di casa ti schiaccia. Come posso pensare? Se mi metto a pensare piango mille e cento lacrime. Non ci resta che l’amore, un disperato, antico, eterno amore.


Annunci