Ti te sée no perché ti vett minga in gir
che per faa la spesa per mi;
perché ghe voeur mess’ura, e a ‘rivà
giò in piazza del Domm i ghe veuren dü tramm…
ma mi, quand’ìnn vott ur, torni a cà de bottega;
nascondi la cartèla cunt denter li mèe strasc,
me ‘lasci la giacchetta come te me dì ti,
camini per Milann: me par de vèss un sciur!

Ti te sée no: i gh’è tanti otomobil
de tucc i culùr, de tucc i grandess
l’è pien de lüs, che el par d’ess a Natal,
e sura, il ciel pien de bigliett de milla…
Che bel ch’el ga de véss
véss sciuri, cunt la radio
noeuva e, indell’armadio,
la torta per i fieu
che vegn’in cà de scola…
e tocca dargli i vizi:
“Per ti, un’altra vestina!
A ti, te cumpri i scarp!”

Ti te sée no, ma quest chi l’è on parlà de stüpid:
l’è bon dumaa de t’rà ciucch!
Ti te sée no, ma quand mi te caressi
la tua bèla faccetta inscì nètta, me par
me par de vèss un sciur;
un sciur ch’el gh’ha la radio
noeuva e, indell’armadio,
la turta per i fieu
che vegn’in cà de scola…
e tocca dargli i vizi:
“Per ti, un’altra vestina! A ti, te cumpri i scarp!”

(Enzo Jannacci, 1964)

Tu non lo sai perché non esci
che per far la spesa per me;
perché ci vuole mezz’ora; e arrivare
giù in Piazza del Duomo ci voglion due tram…
ma io, quando arrivano le otto, torno a casa dal lavoro;
nascondo la borsa con dentro i miei stracci,
mi allaccio la giacchetta come mi hai detto tu,
cammino per Milano, mi sembra d’essere un signore!

Tu non lo sai: ci sono tante automobili
di tutti i colori, di tutte le dimensioni;
è così pieno di luci che sembra d’essere a Natale,
e sopra, il cielo pieno di biglietti da mille…
Che bello dev’essere
essere signori, con la radio
nuova e, nell’armadio,
la torta per i bambini,
che vengono a casa da scuola…
e bisogna viziarli:
“Per te un altro vestito!
A te compro le scarpe!”.

Tu non lo sai, ma questo è un discorso da stupidi
è buono solo per ubriacarsi!
Tu non lo sai, ma quando io accarezzo
la tua bella faccina così pulita, mi sembra
mi sembra di essere un signore;
un signore che ha la radio
nuova e, nell’armadio,
la torta per i bambini,
che vengono a casa da scuola…
e bisogna viziarli:
“Per te un altro vestito!
A te compro le scarpe”.

Una delle canzoni d’amore più strane e più indovinate che conosca. L’amore quello puro, quello che travalica gli interessi economici, l’amore che sa ridisegnare una scala dei valori a misura d’uomo. Sentirsi un signore carezzando il volto pulito dell’amata.
Il tutto giocato in una Milano operaia, tanto lontana dalla Milano da bere degli anni Ottanta e dalla capitale della moda (?) dei nostri giorni, ma molto più interessante, dignitosa e verace. Un pezzo di storia.

Annunci