El mè indiriss de dûe sun nassu
mi me l’ ricordavi gnanca pû:
a l’era una câ vecia e per pissà,
tripli servissi, sì, ma in mess al prà!

El mè indiriss de dûe sun nassu
me l’han ricordà iér, dentr’in Común:
cercavi un documént de residénsa
e mi, m’è vegnu in ment tutta l’infansia…

A s’erum una banda de sês fieu
volevum trà per aria tutt’el mund,
fasevum la colletta alla mattina
per quatter Alfa e dû Espurtasiún.

Turnavi a cà la sera, e la mia mamma
la me nettava el nas tutt spurch de sangh
perchè la legge l’era de dài via,
ma l’era anca quella de ciapànn!

Pensarci ben, chissà che fin ann fatt
chî mé cumpagn balord de sciupà el mund!
Ma poeu, la vita va; fa quel che la voeur:
chi va, chi resta chi, chi invece moeur…

Ma énn giàmò passà deu o tri minut
e mi, me rendi cûnt che ò rott i ball:
ci ho qui un bel document de residénsa…
cià via a menare! …e va a dà via el cû anca l’infansia!

L’indirizzo di dove son nato
non lo ricordavo nemmeno più
era una casa vecchia e per pisciare
triplo servizio, sì, ma in mezzo al prato!

L’indirizzo di dove son nato
me l’hanno ricordato ieri, in Comune:
cercavo un documento di residenza
e a me, m’è venuta in mente tutta l’infanzia…

Eravamo una banda di sei ragazzini,
volevamo far saltare tutto il mondo,
facevamo la colletta alla mattina
per quattro Alfa e due Esportazione.

Tornavo a casa la sera e la mia mamma
mi puliva il naso, tutto sporco di sangue
perché la legge era di darle,
ma era anche quelle di prenderle!

A pensarci bene, chissà che fine hanno fatto
quei miei compagni balordi da far scoppiare il mondo!
Ma poi la vita va, fa quel che vuole:
chi va, chi resta e chi invece muore…

Ma son già passati due o tre minuti
e io, io mi rendo conto di aver rotto le balle
ho qui un bel documento di residenza…
forza, andare… e vaffanculo anche all’infanzia!

“A Milano mi rigano i dischi”, ama dire Jannacci quando vuol dire che non è molto apprezzato nella sua città. Sarà anche vero, ma in realtà i suoi brani più toccanti, Enzo li ha scritti proprio nella lingua del Porta.
Questa in particolare è una canzone che ho sempre amato e che mi è tornata alla memoria perché ho rivisto dopo un sacco di tempo un amico che condivide con me l’amore per Enzo Jannacci. È un affesco a tinte forti di un’infanzia difficile, giocata in un mondo che non aveva tempo per i bambini. Per i loro giochi e per i loro sogni. Era il mondo, ormai perso, delle cascine alle porte della grande città. Qualche casolare si può vedere ancora oggi nella periferia sud di Milano, ma credo che di quel mondo siano rimaste solo le pareti scrostate.
Ho tralasciato l’esilarante monologo sulla biro perché mi sembrava davvero una violenza trascriverlo. Lo lascio alla curiosità di chi voglia andare ad ascoltarsi il brano.

Annunci